AVVERTENZA

AVVERTENZA:
QUESTO E' UN BLOG DI MERA "CURA DEI CONTENUTI"
(CONTENT CURATION) GIUSLAVORISTICI AL SERVIZIO DELLE ESCLUSIVE ESIGENZE DI AGGIORNAMENTO E APPROFONDIMENTO TEORICO DELLA COMUNITA' DI TUTTI I PROFESSIONISTI GIUSLAVORISTI, CONSULENTI, AVVOCATI ED ALTRI EX. L. 12/1979.

NEL BLOG SI TRATTANO "CASI PRATICI", ESEMPLIFICATIVI E FITTIZI, A SOLO SCOPO DI STUDIO TEORICO E APPROFONDIMENTO NORMATIVO.

IL PRESENTE BLOG NON OFFRE,
NE' PUO', NE' VUOLE OFFRIRE CONSULENZA ONLINE IN ORDINE AGLI ADEMPIMENTI DI LAVORO DI IMPRESE, O LAVORATORI.

NON COSTITUENDO LA PRESENTE PAGINA SITO DI "CONSULENZA ONLINE", GLI UTENTI, PRESA LETTURA DEI CONTENUTI CHE VI TROVERANNO, NON PRENDERANNO ALCUNA DECISIONE CONCRETA, IN ORDINE AI LORO ADEMPIMENTI DI LAVORO E PREVIDENZA, SENZA AVER PRIMA CONSULTATO UN PROFESSIONISTA ABILITATO AI SENSI DELLA LEGGE 12/1979. I CURATORI DEL BLOG, PERTANTO, DECLINANO OGNI RESPONSABILITA' PER OGNI DIVERSO E NON CONSENTITO USO DELLA PRESENTE PAGINA.




mercoledì 5 giugno 2013

VOUCHER PER LAVORI DI PULIZIA IN CONDOMINIO

Quesito:
Sono un Amministratore di Condominio: posso impiegare una donna delle pulizie con il voucher di lavoro accessorio? In questo caso, devo procedere alla valutazione dei rischi? Grazie.

Risposta:
Il voucher per accendere rapporti di pulizia a favore del Condominio si può utilizzare.
La recente riforma Monti-Fornero, infatti, ha "liberalizzato" al massimo grado la possibilità di utilizzazione di questo istituto, a condizione che il volume totale dei compensi non superi complessivamente nell'anno l'importo "lordo" di € 5.000.
Stante l'assenza di connotazione imprenditoriale nel rapporto di lavoro domestico (di cui il lavoro in condominio è unaspecies), non sembrano nel Ns. caso ravvisabili le ulteriori limitazioni di € 2.000 "per Datore", a concorrenza del volume totale di € 5.000.

E' evidente che la particolarità del lavoro di pulizia in condominio richiede adeguata attenzione sotto il profilo anti-infortunistico (pensiamo solo ai rischi da tromba delle scale etc.) ed è, pertanto, opportuno che anche la micro-prestazione del voucherista sia inserita in un ambito di valutazione dei rischi.



Nessun commento:

Posta un commento